20 luglio 2015

Recensione – “Withering Hope” di Layla Hagen.


Buon lunedì!!
Oggi vi parlo di un romanzo che ho concluso più di una settimana fa, quando ero via, una lettura decisamente estiva e con un’ambientazione molto particolare. Il libro s’intitola “Withering Hope”, che in inglese significa ‘la speranza che svanisce’, e l’autrice è Layla Hagen

Non è ancora stato tradotto, ma spero che presto qualche casa editrice lo prenda in considerazione. Ho adorato questo romanzo!! L’ho finito in soli due giorni rimanendo sveglia fino alle tarde ore della notte, malgrado le proteste insistenti del mio caro maritino. E’ quello che definirei un ‘survival romance’ in cui i protagonisti, un uomo e una donna, si trovano a vivere un’esperienza straordinaria, un’avventura nel cuore della foresta pluviale. Un’esperienza di questo tipo stravolge completamente la vita di una persona e ti cambia per sempre. E’ anche la storia di una amore nato in circostanze estreme e destinato a durare in eterno. Mi ha ricordato tantissimo un altro libro che ho letto diverso tempo fa, mi riferisco a “L’isola dell’amore proibito” di Tracey Garvis Graves. “Withering Hope” è uno stand alone e nel finale ho particolarmente apprezzato il doppio epilogo, anche se per l’emozione mi sono ritrovata in un mare di lacrime, non perché non ci sia l’happy ending, ma per un motivo che non vi posso rivelare. La protagonista del romanzo è una giovane donna di nome Aimee. Aimee è in procinto di sposarsi e si trova su un jet privato diretto in Brasile dove ad attenderla c’è il suo bellissimo fidanzato Chris, suo migliore amico fin dall’infanzia e futuro consorte. 


Un’improvvisa avaria, però, manda in frantumi tutti i suoi sogni e costringe l’aereo ad effettuare un atterraggio d’emergenza. Lei e il pilota Tristan si salvano, ma si trovano dispersi nel bel mezzo della selvaggia foresta Amazzonica. Nessuna comunicazione con il mondo civilizzato, nessun mezzo di sostentamento, l’unica speranza è che qualcuno presto si accorga della loro scomparsa e venga a soccorrerli. Ma i giorni passano senza che nessuno si veda all’orizzonte e le speranze presto svaniscono. Tristan e Aimee sono costretti a trovare un modo per sopravvivere. La foresta riserva ogni giorno tante spiacevoli sorprese: animali feroci da cui difendersi e malattie sconosciute. Se non vogliono morire devono aiutarsi  a vicenda e lottare per la sopravvivenza. Vivendo ogni giorno a stretto contatto Aimee e Tristan presto iniziano a provare dei sentimenti, che Aimee inizialmente fa di tutto per reprimere. Lei è una donna impegnata e non può concedersi di pensare a Tristan se non come ‘compagno di sventura’. Ma più passano i giorni, le settimane, i mesi in quell’inferno, più gli sforzi per ricordarsi i motivi per cui non deve cedere ai sentimenti che prova si indeboliscono. 


Il legame che unisce Aimee e Trista è qualcosa di speciale e presto entrambi diventano l’uno per l’altra di vitale importanza. “L’amore ti fa sentire più forte perché ti rende felice, ma allo stesso tempo ti fa sentire impotente, rendendoti prigioniero della paura”. La paura che possa succedere qualcosa alla persona a cui tieni e che difenderesti a costo della tua stessa vita. Nel romanzo c’è molto dramma, e in alcuni momenti ho avuto la sensazione che fosse giunta la fine. E’ una storia molto realistica e le descrizioni sono così accurate che hai l’impressione di vivere personalmente i fatti. Puoi percepire ogni rumore della foresta con una vividezza che ti sorprende e immaginare ogni scena nei minimi dettagli. La storia d’amore tra Aimee e Tristan nasce lentamente, ma raggiunge un’intensità che ti lascia senza fiato. Dopo un’attesa frustrante, il primo bacio è arrivato come una deflagrazione e ha rischiarato l’intera foresta. La storia è narrata principalmente dal POV di Aimee, ma ho apprezzato moltissimo l’inserimento di alcuni capitoli in cui si legge cosa pensa Tristan. Quali sono le sue paure, i suoi stati d’animo e cosa lo affligge nel profondo. Questi piccoli squarci di ciò che avviene nella mente di lui vengono inseriti nei momenti strategici, per farti comprendere le sue reazioni e quali siano i suoi reali sentimenti. Aimee è un personaggio bellissimo, una donna di carattere e piena di risorse. Nel corso della narrazione dimostra un grande coraggio e, anche quando si trova in serio pericolo, mantiene il sangue freddo. Affronta ogni situazione a testa alta e non si abbatte mai. Non ha nulla da nascondere; quello che vediamo di lei dall’esterno è l’immagine di ciò che racchiude dentro di sé. Tristan al contrario è un enigma. All’inizio è molto evasivo e s’intuisce che un’esperienza del passato lo abbia segnato irrimediabilmente. 


E’ un uomo ferito, un'anima sanguinante. Un uomo che ha vissuto delle esperienze atroci ed indescrivibili, la foresta Amazzonica a confronto non è nulla di cui temere. Tristan rivive ogni notte nei propri incubi le situazioni terribili che ha vissuto e non riesce a trovare un attimo di pace. L’unica che riesce ad alleviare le sue sofferenze è Aimee, basta la sua vicinanza. “Di solito odio risvegliarmi ogni giorno. Ora guardo avanti in attesa che arrivi un nuovo giorno anche se siamo bloccati in questo posto. Perché significa che ancora per un giorno sarò qui insieme a te”. Non voglio rivelarvi nulla di ciò che è successo a Tristan, nel caso decidiate di leggere questo libro ma, quando lo scoprirete, sono convinta che vi innamorerete perdutamente di lui. Vi innamorerete di questo uomo all’apparenza forte e invincibile, ma in realtà tanto fragile a livello emotivo. Il romanzo è molto scorrevole e incalzante, nel corso della narrazione non c’è un attimo di tregua. Mi ha coinvolto a tal punto che non riuscivo a distogliere l’attenzione dalle pagine e, quando dovevo farlo, la mia mente continuava a rivivere quelle scene e non riuscivo a smettere di pensarci. E’ una di quelle storie uniche, epiche che non riesci a dimenticare. Ne consiglio la lettura!! “Ci sono molte cose che puoi nascondere nel bel mezzo della foresta pluviale. Ma non le bugie. O l’amore.” 

Un abbraccio, greta
MOLTO BELLO


Qui trovate il romanzo in inglese!!




6 commenti:

  1. Anch'io l'ho inserito nel mio prossimo ordine Amazon ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, mi sorprendi sempre. Non pensavo fosse il tuo genere!!

      Elimina
  2. Greta cara questa recensione mi ha lasciato senza fiato. Molto suggestive le immagini che hai inserito e le parole del libro così cariche di amore. E' autoconclusivo vero? Spero lo portino in Italia *-*
    Povero Tristan. Qualunque cosa gli sia accaduta già mi piange il cuore per lui. Ecco come mi ha fatto sentire la tua recensione. Brava, Greta!
    Che fine farà il fidanzato di lei? L'amico d'infanzia? Mi sento in pena anche per lui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Violet, ti ringrazio!! Quando un romanzo mi piace sono sempre molto ispirata.Triatan lo immagino proprio come il ragazzo della foto del primo collage. Sì, "Withering Hope" è un romanzo autoconclusivo. Ps. Mi è dispiaciuto moltissimo per Chris. Spero che la scrittrice in futuro gli dedichi un libro. :)

      Elimina
  3. Un altro libro da aggiungere alla lista che aspetto in italiano....Speriamo presto. Complimenti per la recensione...fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena!! Incrociamo le dita!

      Elimina